Il settore conciario all’avanguardia per innovazione e sostenibilità

SMAU Napoli 2017 – “Nel settore conciario il 78 per cento del materiale organico subisce un processo di trattamento e raccolta differenziata. Un numero molto elevato che ci permette di essere all’avanguardia in tema di ambiente e di guardare con fiducia al tema della valorizzazione degli scarti delle industrie, affinché tutto sia reimmesso nel mercato. È già una realtà il recupero delle sostanze organiche attraverso processi biochimici e biotecnologici. Inoltre, gli utilizzi innovativi del materiale e i relativi scarti di produzione per la realizzazione di articoli, conservano la gradevolezza della materia naturale, rispondendo alla crescente domanda di innovazione e funzionalizzazione”. Lo ha detto il Direttore generale della Stazione Sperimentale Pelli, Edoardo Imperiale, nel corso del live show “Ricerca, Innovazione e Formazione a supporto della filiera moda e del Made in Italy”, che si è svolto nella giornata d’apertura di Smau, presso la Mostra d’Oltremare di Napoli.

img-20171215-wa00131Nel corso dell’appuntamento sono state presentate le ipotesi di sviluppo del settore moda, derivanti dai nuovi impulsi nel campo della formazione e della ricerca applicata al cuoio. La SSIP è presente al salone sull’innovazione e sul digitale con un proprio stand.

Scarica il comunicato stampa SSIP del 14 dicembre 2017

Visualizza Intervento al TG Regionale del 15 dicembre 2017

Lascia una risposta