Altri contenuti

Il meeting CEN/TC 289 – IULTCS di settembre presso la SSIP
Il meeting CEN/TC 289 – IULTCS di settembre presso la SSIP

La Stazione Sperimentale ha ospitato nelle due giornate del 25 e 26 settembre 2019, il secondo meeting annuale della Commissione CEN/TC 289 e IULTCS, accogliendo gli esperti del settore cuoio provenienti da tutto il mondo.

 

La  commissione tecnica europea CEN/TC 289 “Leather” si occupa di normazione e linee guida in ambito conciario, e il meeting era congiunto con la normazione internazionale ISO. I quattro 4 gruppi di lavoro in cui è articolata sono: WG1 metodi chimici, WG2 metodi fisici, WG3 metodi solidità, WG4 specifiche tecniche sull’uso del cuoio e terminologia.

 

La segreteria è seguita dall’UNI, l’ente di normazione italiano e le norme che emana sono riconosciute sia a livello europeo (EN), che internazionale (ISO), tramite il riconoscimento come IULTCS (quindi come IUC, IUF, IUP).

 

L’incontro è stato occasione di discussione sui metodi di prova, nuovi o sottoposti a revisione, che riguardano gli ambiti dei gruppi di lavoro WG1, WG2 e WG3 e WG4. Per ogni gruppo di lavoro sono stati considerati gli standard recentemente pubblicati, quelli giunti alla fase finale di revisione, sottoposti quindi al voto formale, e soprattutto sono state confrontate le posizioni dei paesi partecipanti sulle norme nuove o in fase di inchiesta (ovvero quelle sotto revisione).

 

L’Italia è stata presente con gli esperti nominati dalla commissione UNI CT/013 “Cuoio, pelli e pelletteria” per CEN/CT 289 e con quelli nominati da AICC come esperti per IULTCS; per quanto riguarda la Stazione Sperimentale per l’Industria delle Pelli hanno partecipato la dott.ssa Tiziana Gambicorti come esperto delegato dalla CT/013 per tutti i gruppi di lavoro e delegato AICC per IUC e l’ing. Rosario Mascolo delegato da AICC per IUP e IUF.

 

 

 

 

La Stazione Sperimentale Pelli incontra il Premier Conte
La Stazione Sperimentale Pelli incontra il Premier Conte

Anche la Stazione Sperimentale Industria Pelli con il Direttore Generale Edoardo Imperiale, ha partecipato alla visita che il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha fatto da poco al Polo Universitario di San Giovanni a Teduccio dell’Università degli Studi di Napoli Federico II nella sede della Cisco Academy.

Solofra: Consegnate le Borse di studio alla memoria di Gianni Solunto 2019
Solofra: Consegnate le Borse di studio alla memoria di Gianni Solunto 2019

Nella giornata di ieri, 5 giugno 2019, presso l’Istituto superiore “ISISS Gregorio Ronca” di Solofra, grazie all’iniziativa promossa in collaborazione tra AICC, SILVATEAM, PROSSIMAPELLE/DINAMICA ed UNPAC, sono state assegnate le 4 Borse di Studio, del valore di 300 euro cadauna, ai migliori 4 studenti delle classi quarte e quinte dell’anno scolastico 2017/2018, oltre che i 4 assegni di studio, del valore di 200 Euro cadauno, ai migliori studenti delle classi terze nell’anno scolastico 2017/2018, per la specializzazione Conciaria.

 

Sono stati inoltre consegnati agli iscritti al terzo anno (Anno Scolastico 2018/2019) della specializzazione di Chimica Conciaria dell’ISISS Ronca di Solofra ed agli iscritti al primo Anno Scolastico 2018/2019 del corso  di “Tecnico superiore esperto in scienza e cultura tecnica delle pelli e dei nuovi materiali” dell’Istituto Tecnico Superiore Moda Campania di Solofra, percorso ITS promosso dalla SSIP nell’ambito del Politecnico del cuoio, due importanti testi tecnici settoriali “Tanning Chemistry: The Science of Leather” di Anthony Covington e “Possibili Difetti sul Cuoio e nella sua Produzione” di Gerhard John.

La consegna è stata effettuata da Claudio Toscano (Consigliere UNPAC), Gaetano Maffei (Referente per la Campania di AICC) e Claudia Florio (Ricercatore SSIP, Commissione Formazione e Referente ITS per AICC).

 

 

A Chiampo incontro sulle Priorità di Ricerca nel Distretto Veneto
A Chiampo incontro sulle Priorità di Ricerca nel Distretto Veneto

Il giorno 10 aprile la Stazione Sperimentale Industria delle Pelli ha partecipato ad un incontro avvenuto c/o il comune di Chiamo (VI), organizzato dall’Assessore della Provincia di Chiampo a attuale Sindaco del comune, Matteo Macilotti, alla presenza di numerosi stakeholders territoriali tra cui AICC – Associazione Italiana Chimici del Cuoio, Confindustria Vicenza, Distretto della Pelle, Progetto Giada e UNIC – Unione Nazionale Industria Conciaria.

 

Durante la riunione, che ha avuto l’obiettivo di definire una sinergia strutturata per la realizzazione di progetti che diano supporto e valore aggiunto alla filiera della concia, ed in generale della pelle, sono state presentate dal Direttore Generale della Stazione Sperimentale, Edoardo Imperiale, i progetti di ricerca realizzati nel 2018, e discusse le linee di ricerca previste per il 2019. Sono stati infine individuati in particolare due focus su cui sviluppare delle progettualità: la valorizzazione del cuoio e degli scarti di produzione e il riutilizzo degli scarti, con particolare riferimento a quelli derivanti dalle conce Metal Free; valorizzazione dei sottoprodotti della depilazione, verso prodotti ad alto valore aggiunto.

Registrata la volontà comune di dare continuità al tavolo discussione così costituito, il prossimo incontro è stato calendarizzato per il 14 giugno p.v.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Presentazione della Conceria Sperimentale alla scuola ITTE Galilei
Presentazione della Conceria Sperimentale alla scuola ITTE Galilei

La Stazione Sperimentale ha partecipato ad un incontro organizzato dall’ITTE Galilei per la presentazione della rinnovata Conceria Sperimentale, avviata nell’ambito delle attività del Politecnico del Cuoio presso la Scuola, la  cui missione oltre ad essere finalizzate alla attività didattiche della scuola, sarà parte integrante della rinnovata offerta di servizi della Stazione Sperimentale a favore delle imprese del Distretto conciario.

 

L’acquisto dei 4 bottalini, per l’esecuzione in scala pilota di lavorazioni conciarie ad umido, e delle attrezzature per l’analisi fisico-meccanica del cuoio  per i laboratori didattici (1  Dinamometro a doppia colonna, 1 Strumentazione per l’esecuzione del “Fogging test”, 1  Abrasimetro e 1 Misuratore digitale) rientra nei circa 200 mila euro già investiti dalla Stazione Sperimentale, per le attività del Politecnico del Cuoio nell’ambito della convenzione con l’istituto Galilei e del corso  ITS “Green Leather Manager” gestito dalla Fondazione Cosmo, al fine di contribuire al rafforzamento delle  competenze tecnico-scientifiche  degli alunni e per la formazione di nuovi tecnici altamente specializzati.

 

La Conceria Sperimentale opererà in modo sinergico e complementare  ai nuovi Laboratori della Stazione Sperimentale, all’interno del Comprensorio Olivetti di Pozzuoli, che consentiranno,  grazie agli innovativi  investimenti in infrastrutture per la formazione, la ricerca, la sperimentazione e nei nuovi laboratori tecnologici, di migliorare  la capacità competitiva delle aziende conciarie italiane, la qualità della produzione, lo sviluppo tecnologico e la sostenibilità a vantaggio dell’intera filiera e dei principali mercati obiettivo: arredamento, automotive, calzatura, interiors, moda, pelletteria.

 

 

 

I criteri ambientali minimi per le calzature e gli articoli in pelle
I criteri ambientali minimi per le calzature e gli articoli in pelle

Dal 28 settembre 2018 gli acquisti delle pubbliche amministrazioni per calzature da lavoro e accessori di protezione in pelle devono attenersi ai CAM, i criteri ambientali minimi, così come previsto dal Piano d’Azione del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare per la sostenibilità dei consumi della PA.

Sebbene i criteri definiti riguardino un segmento preciso, intervengono comunque su un settore, quello della pelletteria e delle calzature, che rappresenta uno dei comparti strategici dell’industria manifatturiera italiana e in particolare di quella veneta.

A questo proposito la sezione regionale dell’Albo gestori ambientali e l’Ufficio Unico Regionale Ambiente della Camera di Commercio Venezia Rovigo, organizzano venerdì 12 aprile ore 9 al Centro Conferenze la Stanga a Padova un Seminario sulla sostenibilità della filiera delle pelli e le nuove opportunità degli acquisti pubblici verdi nel settore delle calzature.

Caratterizzazione dei residui solidi da conce wet-white/metal free
Caratterizzazione dei residui solidi da conce wet-white/metal free

Il lavoro di ricerca sulla “Caratterizzazione dei residui solidi da conce wet-white/metal free” preparato da Biagio Naviglio, Tiziana Gambicorti, Daniela Caracciolo, Gianluigi Calvanese e Roberta Aveta e presentato al Convegno Nazionale AICC la settimana scorsa, è stato molto apprezzato dai partecipanti.

 

La cessazione della qualifica di rifiuto, disciplinata dall’articolo 184 – TER del D.lgs 3 aprile 2006, n. 152, dispone che “un rifiuto cessa di essere tale, quando è sottoposto a un’operazione di recupero (incluso il riciclaggio e la preparazione per il riutilizzo), e soddisfi i criteri specifici, da adottare nel rispetto delle seguenti condizioni:

  1. La sostanza o l’oggetto è comunemente utilizzato per scopi specifici;
  2. Esiste un mercato o una domanda per tale sostanza od oggetto;
  3. La sostanza o l’oggetto soddisfa i requisiti tecnici per gli scopi specifici e rispetta la normativa e gli standard esistenti applicabili ai prodotti;
  4. L’utilizzo della sostanza o dell’oggetto non porterà a impatti complessivi negativi sull’ambiente o sulla salute umana,

 

Come è noto nel settore conciario, in questi ultimi tempi, le cosiddette conce wet-white e/o metal free hanno avuto un certo incremento; conseguentemente è aumentata anche la produzione di residui solidi derivanti da questa tipologia di sistemi di concia,

Nell’ottica, quindi, dell’economia circolare per poter riciclare tali residui, ad esempio come fertilizzanti, è necessario effettuare una loro adeguata caratterizzazione e classificazione per valutare non solo i requisiti tecnici ma anche l’impatto sull’ambiente o sulla salute umana.

Pertanto sono state effettuate, sui residui solidi derivanti dalla concia WW con glutaraldeide/tannini sintetici e dalla concia metal free di ultima generazione, indagini analitiche atte ad individuare la presenza di eventuali sostanze pericolose per l’ambiente e/o per la salute umana. Per l’impatto sul suolo saranno altresì valutati i parametri rientranti nella legislazione della bonifica dei siti contaminati.

 

Scarica Presentazione AICC Toscana

 

Per ulteriori informazioni contattare: Dott. Biagio Naviglio e-mail: b.naviglio@ssip.it

 

 

 

 

 

 

 

Minimum 4 characters